Issime, 1-2 dicembre 2012

Partita un po’ in “sordina”, Santa Cecilia 2012 si è rivelata anche quest’anno una festa meravigliosa. Il walzer delle date, spostate rimandando i festeggiamenti al mese di dicembre per poter avere a disposizione “Z’Lannsch Hous”, ha dato i suoi frutti e ci ha permesso di onorare la Patrona della Musica nel bel salone del paese, grazie alla perseveranza del nostro Maestro ed al massimo impegno profuso dall’Amministrazione Comunale affinché tutto fosse pronto in tempi ristrettissimi.
Il venerdì sera gli strumenti sono già schierati sul palco della nuova struttura, pronti per la prova generale: questa è per noi una novità eccezionale, abituati come eravamo ad allestire il palco soltanto qualche ora prima del concerto! Provare a sala vuota fa già un certo effetto, con le sedie intonse schierate di fronte a noi ed i maestosi tendoni del sipario che creano un’atmosfera decisamente più seriosa rispetto al buon vecchio Capannone, amico di tanti concerti e serate trascorse in allegria …
E finalmente arriva il sabato sera: l’emozione aumenta man mano che vediamo la sala riempirsi di persone, venute da vicino e da lontano per assistere al concerto della Musikkapelle “La Lira” e della Banda ospite, il Corps Philharmonique di Châtillon, che Chicco ha voluto ad Issime in quest’occasione per condividere un’esperienza affrontata da entrambi i gruppi durante gli scorsi mesi: il concorso bandistico internazionale, vissuto da noi in terra spagnola e da loro nella più vicina Saint-Vincent. Come di consueto a Santa Cecilia, accogliamo ufficialmente le nuove leve entrate a far parte della nostra Banda: Katia Ronco e Sophia Coslovich al clarinetto, Alessia Linty e Alessia Ronco al sax, Federico Praz e Davide Coslovich al basso tuba ed Ilaria Martinetti alla tromba. Dopo il concerto, sempre secondo la tradizione, un sontuoso rinfresco preparato da mamme, mogli, zie o nonne che sempre si prodigano per sostenere la Musikkapelle, accoglie i presenti in sala, che si intrattengono fino a tarda ora, allietati da un’allegra fanfara formata da musici issimesi, châtillonnais e da un ruegliese mago del clarinetto e della fisarmonica!
Altra usanza della nostra Banda musicale è cominciare la giornata di domenica facendo colazione in una delle frazioni del paese: quest’anno siamo a Preit, ospiti di Bruno Linty, di sua moglie Laura e della loro famiglia al completo. Gustiamo in compagnia le leccornie che ci hanno preparato, per poi dirigerci in sfilata verso il capoluogo, dove partecipiamo alla Santa Messa celebrata dal nostro Parroco. Dopo il tradizionale aperitivo, preparato all’esterno del Salone, ci accingiamo a sederci a tavola, o meglio, ai tavoli, visto che il catering ha elegantemente apparecchiato tavoli da 8 per la nostra festa! Nel pomeriggio rievochiamo l’avventura del concorso di Valencia proiettando il video dell’esibizione e della consegna (un po’ faticosa!) del premio: un momento emozionante per tutti, musici, parenti ed amici, come la nostra Madrina, che emozionata si complimenta con noi per il risultato ottenuto, o come Marisa, che ci omaggia del calendario 2013 con la nostra foto sul palco del Palau. Verso sera arrivano i “Mej ke gnente”, che ci intrattengono con la loro bella musica prima e dopo cena … insomma, fra tradizione e novità, Santa Cecilia torna come sempre a riscaldare i nostri cuori nei mesi più freddi dell’anno!

Santa Cecilia